Archivio per da risolvere

I bambini nei cortili dei condomini? Perchè no

Bambini al centro dei condomini in Svezia

Bambini al centro dei condomini in Svezia

Forse sta iniziando a cambiare qualcosa, è strano che una cosa così semplice, ma soprattutto in tempi di crisi, un qualcosa che può portare un sensibile miglioramento alla qualità della vita senza reali investimenti, debba essere richiamato all’attenzione dall’alto e non sia invece un’esigenza partita dal basso. Riportare i bambini nei cortili delle case e non solo nei co-housing è davvero un qualcosa che può aiutare e fare stare meglio tutti. Purtroppo una delle prime cose che vengono stabilite nelle assemblee dei superblindati condomini è proprio il divieto al gioco dei bambini. La cosa più incredibile è che spesso siano proprio i condomini con figli a porre il veto con maggiore veemenza, senza nemmeno rendersi conto di andare contro i propri stessi interessi. I bambini non sono piccoli adulti, non sono nemmeno un qualcosa da nascondere dentro le mura, occorre una cultura più aperta alla famiglia, famiglia intesa nel senso di persone adulte (una o più) con minori (uno o più), occorre anche andare incontro alle esigenze dei bambini che sono la possibilità di correre e giocare all’aria aperta con qualsiasi condizione meteo.

Riflessioni dalla lettura della notizia:
Rimini ai proprietari di case«Bambini sempre liberi di giocare» Le nuove norme di polizia urbana invitano i condomini a non vietare lo svago degli inquilini più piccoli – «Lo chiede la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia»
Annunci

Sì, forse serve un lavoro

Ho letto i copmmenti ai miei ultimi post, e devo convenire che sì, probabilmente manca un lavoro, qualcosa su cui puntare e concentrarsi.

In realtà non è che stia facendo proprio niente, ho un lavoretto da casa che dovrebbe portare una piccola entrata anche perchè tra poco finisco la disoccupazione, ma in realtà non è ancora partito a pieno ritmo anche perchè il tirocinio mi ha impegnato più del previsto.

Il prossimo tirocinio sarà a metà aprile, ma per quello voglio organizzarmi meglio.

Nel frattempo sto pensando a cosa fare da grande…

Lo so, sono in ritardo di una ventina di anni, ma altre persone prima di me hanno stravolto vite e lavori per reinventarsi tra i 40 e i 50 anni, sarà la crisi di mezza età o semplicemente la voglia di sperimentare e vivere più vite possibili, a dispetto delle difficoltà e della crisi.

Sono stata all’università in questo periodo per vedere cosa potrei fare e ho scoperto che grazie alla mia laurea del vecchio ordinamento in Architettura e ai miei 15 anni da programmatrice sono stata ammessa a 2 corsi di laurea magistrale, i famosi + 2 dei 3 + 2 della riforma universitaria.

Quali corsi?

Sociologia, la mia passione segreta ma non troppo vista l’impostazione di tutta la mia tesi di laurea e la mia libreria sia di carta che sul mio fido kindle. I temi che mi appassionano all’interno di questa disciplina sono davvero molti, il primo ovviamente è quello della sociologia urbana, ma anche tutto il tema delle migrazioni e delle inclusioni mi affascina davvero molto. Mi piacerebbe occuparmi di questi temi per lavoro, ma non so se sarà possibile dato che la prossima laurea sarà a quasi 50 anni.

Teorie e tecniche della comunicazione, un corso interdisciplinare tra l’informatica e la psicologia, molto più vicino al mio attuale lavoro e forse più spendibile, la laurea non sarebbe altro che una conferma di tutto quanto ho già studiato “on the job”, probabilmente mi darebbe più autorevolezza in questo campo, perchè adesso come adesso quando presento il mio cv non ho titoli che supportino le mie conoscenze informatiche, nemmeno uno straccio di certificazione microsoft, adobe o altro.

…e poi c’è il mio sogno, quello di lavorare su corsi di comunicazione visiva a tutto tondo per bimbi dal pennello al bit passando attraverso l’obiettivo fotografico, ma qui mi servirebbe uno sponsor…

Che faccio? Sempre ammesso che riesca a guadagnare per pagarmi gli studi…

Nel frattempo il mio corso OSS finirà a ottobre…

Non ci siamo separati, ma procediamo tra alti e bassi, non sapremmo nemmeno come fare per separarci, mancano le possibilità economiche e probabilmente anche la volontà. E poi i soldi non bastano mai, la macchina ci sta abbandonando, lei sì per davvero e dobbiamo provvedere a un altro mezzo qualsiasi che abbia 4 ruote e che si muova dato che abitiamo in mezzo al nulla e questo fa parte dei “vantaggi” dello sprawl.

30 anni

A settembre saranno trent’anni dal primo incontro con quello che sarebbe diventato il padre delle mie bambine.

Ma ora le cose non vanno, stiamo andando in direzioni differenti, già da un bel po’ probabilmente, ma i vari problemi ci hanno distolto l’attenzione da noi, o forse hanno fatto sì che ci sentissimo “noi” a dispetto delle differenze.

In questo momento non c’è niente e nessuno contro cui combattere, a parte forse la mia disoccupazione… e così sono riaffiorate le differenze, prepotenti e sembra incolmabili.

Come si affronta una separazione con due figlie?

Come ci si può separare senza soldi?

Come ci si può separare essendo costretti da problemi economici e pratici a vivere sotto lo stesso tetto?

Lavoro e famiglia

E ora mi si apre una nuova opportunità. I problemi, in fondo, sono possibilità di cambiamento.

Al lavoro mi hanno fatto notare che, per me, la famiglia viene prima del lavoro e questo, per loro, non è più tollerabile (nell’ultimo periodo mi sono avvalsa della possibilità di utilizzare i miei permessi studio per arrivare a casa prima e andare a prendere le bimbe all’uscita da scuola, senza che si fermassero al post scuola, ciò ha portato una maggiore serenità per tutti in vista dei colloqui e non solo).

Non ho niente da dire a mia discolpa, anche perchè non ritengo sia una colpa usufruire di permessi in determinati casi della vita, ma come mi hanno detto i problemi non li ho solo io…

In poche parole non sono più gradita, me ne devo andare e bisogna trovare un accordo perchè me ne vada al più presto.

I miei simpatici vicini hanno fatto strike…

Ma sono ottimista, voglio esserlo, si supererà anche questa, magari trovo qualcosa di meglio, anche perchè di peggio è quasi impossibile.

La vita deve continuare

E’ come un mantra da ripetersi per ogni gesto quotidiano in attesa dei prossimi colloqui che si spera siano conclusivi e positivi.
Eppure non c’è vita, è tutto spento, quando loro, le mie bimbe, non sono con me semplicemente mi spengo, mi richiudo nel rassicurante e conosciuto buco nero, lasciandomi cullare dal dolore, un dolore dell’anima che diventa fisico, che urla nel profondo, cercando di non farsi sentire, cercando di non farsi vedere.
Un sommesso silezioso urlo, quell’urlo che Munch ha rappresentato così bene, rendendo così visibile il dolore.

E ora lo sanno tutti

Abbiamo appeso nell’ingresso del nostro condominio un foglio con riassunti i passaggi salienti di quello che ci sta succedendo, questo per mettere al corrente tutti i condomini, per non nasconderci e per isolare, se possibile, la malvagità. In effetti, abbiamo ricevuto solidarietà da molte persone e addirittura abbiamo trovato in casella un biglietto di solidarietà molto sentito, commovente.

E poi abbiamo chiesto un incontro con il sindaco e lo abbiamo visto sabato, ci ha ascoltati partecipe, ci conosce di vista, ha buona memoria, e alla fine quando ci ha chiesto “cosa posso fare per voi?”  noi gli abbiamo semplicemente risposto che volevamo solo metterlo al corrente, che ci sembra assurdo che basti una segnalazione anonima per mettere in moto un simile meccanismo e su questo è d’accordo anche lui.

Ora vedremo, ancora non sappiamo le conclusioni di assistente sociale e psicologa, siamo ancora in attesa dopo la visita a casa di lunedì scorso, ormai 9 giorni fa.

Gaia e Giada le hanno accolte come solitamente accolgono gli ospiti, con entusiasmo e come un nuovo pubblico a cui mostrare i loro numeri migliori, i loro disegni, i loro quaderni pieni di faccine felici e di brava e bravissima e tutta la loro gioia.

Nei giorni seguenti, però, Gaia ci deve avere ripensato e la visita di quelle due ospiti sconosciute non l’ha convinta del tutto e le ha lasciato un po’ di paura indefinita…
Apetteremo ancora e intanto c’è Natale…

Concilia…Che? NO

Oggi ho avuto la risposta dei miei capi alla mia richiesta di tempo concentrato.

NO! Nemmeno temporaneamente.

Dove lavoro io conciliazione è un insulto per loro e un miraggio per chi è genitore.

Da lunedì userò tutti i permessi e rol che ho a disposizione, poi vedremo…

…quasi quasi era più flessibile il lavoro in nero…

Perchè tutto deve essere sempre così complicato?