La vita deve continuare

E’ come un mantra da ripetersi per ogni gesto quotidiano in attesa dei prossimi colloqui che si spera siano conclusivi e positivi.
Eppure non c’è vita, è tutto spento, quando loro, le mie bimbe, non sono con me semplicemente mi spengo, mi richiudo nel rassicurante e conosciuto buco nero, lasciandomi cullare dal dolore, un dolore dell’anima che diventa fisico, che urla nel profondo, cercando di non farsi sentire, cercando di non farsi vedere.
Un sommesso silezioso urlo, quell’urlo che Munch ha rappresentato così bene, rendendo così visibile il dolore.

Advertisements

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: