Ciao nonno

Eravamo a fine gennaio e dopo un battibecco normale e banale ho detto a mio marito di andarsene pure dai suoi per un po’, così ci saremmo chiariti le idee.
Ci siamo messi a ridere perchè sua madre ha l’Alzheimer e tra le due situazioni era tutto sommato meglio stare a casa pur se con qualche battibecco piuttosto che stare sempre con i suoi e con sua madre che ripete le stesse cose ogni 30 secondi.
…ma poi è andata nostro malgrado proprio così, Rob si è dovuto “trasferire” dai suoi per un paio di mesi. Mio suocero è semplicemente crollato, il punto fermo della famiglia, il bastone di tutti, di sua moglie, ma anche nostro, è semplicemente crollato, una prima avvisaglia l’avevamo avuta il 26 dicembre con un giro al pronto soccorso.
A inizio febbraio ha avuto un ricovero di pochi giorni e poi una specie di agonia, uno spegnimento giorno dopo giorno per poco più di un mese.
Eravamo in quattro ad alternarci nella loro casa per non lasciarli soli, io e Rob ci incontravamo al mattino a casa dei suoi, a casa ci è tornato poco, lavorando faceva spesso il turno di notte dai suoi.
Se n’è andato una mattina alle 6, dopo una settimana in cui quasi non apriva più gli occhi.
Pochi giorni prima mi aveva detto di volermi bene e mi ha riempito di baci, e io credo di avergli dato più baci in questo periodo che nel resto dei 30 anni che l’ho conosciuto.
Non ho mai pianto perchè non potevo davanti a Rob e non potevo davanti alle bimbe.
Alle bimbe abbiamo spiegato tutto da subito, momento per momento hanno saputo le reali condizioni del nonno, sapevano che sarebbe morto presto, anche perchè dovevano capire l’assenza da casa del loro papà.
Sono state bravissime e molto più mature di quello che potessi aspettarmi, hanno visto il nonno per l’ultima volta vivo due sere prima che morisse e lo hanno voluto rivedere il giorno dopo la sua morte, quando era tutto ben vestito, da me, per il funerale. Ce l’hanno chiesto loro con parole e motivazioni adulte a cui non si poteva dire no. La sera dopo che l’avevano visto vivo per l’ultima volta gli hanno preparato due bellissime lettere d’addio che io gli ho messo poi nella tasca della giacca.
E’ quasi un mese che non c’è più e sembra un’altra epoca, il nostro mondo è cambiato un po’, anche perchè ora mia suocera è in una casa di riposo, impossibile poterla tenere in casa. Ma la casa dei nonni era già silenziosa nel momento in cui mio suocero è stato rinchiuso nella bara.
Ho pianto un paio di settimane dopo quando Rob mi ha detto di aver finito una confezione di sugo alle olive, me lo aveva chiesto mio suocero all’inizio di questo periodo, l’ultima volta che ha preparato da mangiare, cucinava benissimo anche un banale piatto di pasta, io non ero riuscita a trovarlo ne avevo preso un altro lui mi ha detto non fa niente e io gli avevo detto che lo avremmo preparato un’altra volta, ma poi non c’è più stata un’altra volta.

Senza titolo con tanta rabbia

“Renzo il popolo grida che ha il frigo vuoto”

“Ditegli di ordinare una pizza così fa girare l’economia”

Video poker

Dopo quindici mesi di disoccupazione devo dire che ormai abbiamo raschiato il fondo del barile.

Riuscire a far quadrare il bilancio è un’impresa da equilibristi e i buchi si vedono, noi non siamo equilibristi e, soprattutto, il filo su cui abbiamo provato a camminare era davvero troppo sottile.

Avrei dovuto giocarmi tutto ai video poker, adesso sarei in terapia e sarei aiutata a ripianare i debiti…

E allora proviamo a fare outing qui e un po’ di terapia di gruppo.

Mi chiamo orma ho 45 anni, una laurea in architettura conseguita da meno di un anno, quindici anni di esperienza come analista programmatrice, altre competenze acquisite sul campo in particolare quello della preparazione documenti per sistemare debiti e crediti, molto precisa e organizzata, un attestato di OSS (operatore socio sanitario) appena conseguito e domani inizierò un non lavoro di quattro ore e mezza al giorno per 6 euro l’ora, riconosciuti come rimborso spese, come “volontaria” (pare sia legale) per cambiare pannoloni a una signora non più giovane e non più completamente autosufficiente.

Almeno la mia banca rivedrà delle entrate regolari e mi starà un po’ meno con il fiato sul collo.

Per offerte di lavoro vere e concrete in all the world sono qui!

Faccio cose

Sto imparando a fare app android per smartphone con tecnologia nfc per leggere tag rfid.

…e sto anche terminando il mio secondo tirocinio da oss.

…e sono ancora disoccupata e la banca mi stressa perchè ci sono uscite e non ci sono entrate…

Stage a 45 anni?

Stamattina ho avuto un colloquio, in realtà due, ma il primo l’ho fatto per caso ero in anticipo e mi sono fatta un giro in centro, quello ufficiale è stato il secondo.

La ditta è interessantissima, fanno cose bellissime e orientate al futuro tecnologico, ma…

Ma io non ho le conoscenze che cercano ora, ne ho altre utili ma non in questo momento…

La ditta mi piaceva e allora mi sono proposta per uno stage, lavoro, imparo e poi, se funziona, mi inseriscono in azienda, ovviamente li ho spiazzati e forse anche loro sono interessati a me, tra oggi e domani mattina mi fanno sapere, tengo le dita incrociate…

Domani mattina poi ho un incontro in banca per spiegare che prima o poi, non so quando, uno stipendio tornerà a rimpinguare il mio conto…

I° Maggio

Quest’anno l’ho “festeggiato” da disoccupata, l’anno scorso stavo difendendo con i denti il mio lavoro, l’anno prossimo non riesco a immaginarlo…

11 mesi da disoccupata sono davvero troppi, e io non ho mai smesso di lavorare neppure quando ho avuto le bimbe…

Il lavoro dovrebbe essere un vero diritto, un lavoro da rispettare e in cui sei rispettato.

Mi manca questo completamento della persona che è la realizzazione lavorativa.

Che fortuna avere in classe un bambino straniero!

“Così si imparano altre lingue!”

Gaia 8 anni commentando i racconti di sua sorella (7 anni, seconda elementare) su due suoi nuovi compagni che parlano francese e indiano.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.