I ragazzi

Ho finito la mia prima settimana di tirocinio per il mio corso di OSS (operatore socio-sanitario).

Questo primo tirocinio si svolge in un centro diurno per adulti disabili fisici e cognitivi di vario grado.

E’ il mio primo incontro con la disabilità, ero preparata agli anziani, sono cresciuta in mezzo alle case di riposo, ma con la disabilità avevo sempre avuto solo sporadici incontri.

Non è stato come mi aspettavo, dopo il primo giorno volevo riverderli ancora per imparare a conoscerli meglio, ognuno di loro è un mondo con emozioni amplificate rispetto alla “normalità”, hanno abilità diverse da scoprire e da ammirare. Sto imparando a capire anche chi non parla con la voce ma solo con gli occhi, anche solo con gli sguardi comunicano un’incredibile varietà di stati d’animo.

E ho scoperto l’amicizia e i legami forti che si creano in comunità relativamente piccole come quella in cui si trovano loro.

I “ragazzi” mi piacciono, il lavoro con loro anche, mi piacerebbe fare l’educatrice, penso sia un lavoro di relazione e non sia solo un educare, ma si tratti anche di imparare.

Sto imparando l’accettazione, un paio di ragazzi (uno dei due ha solo un anno più di me) si trovano proprio in questa situazione, dover accettare la loro disabilità, dover accettare questa condizione ricordandosi di essere stati altro, sono passati vent’anni o più da quando si sono ritrovati diversi da prima, a poter fare cose altre, a dover smettere di studiare, dover smettere di essere autonomi e abili, uno è perennemente arrabbiato e l’altro è depresso, quello arrabbiato non ha smesso di sognare e ora ha trovato un’affettuosa amicizia con un’altra ragazza del centro e questo lo fa stare sicuramente meglio.

1 commento»

  Goerge wrote @

Ciao, anche io ho lavorato come OSS nelle scuole (prof di sostegno) a Bolzano. Bastava inviare un modulo per le supplenze volanti. Ti chiamavano la mattina e dovevi presentarti alla scuola lì per lì però svegliandosi molto presto mi bastava uscire. L’unico problema erano le prof che dovevo supplire che mi chiamavano in continuazione sul cellulare per darmi istruzioni (che ansia!). Questo per dirti che bastava una laurea, non c’era bisogno di fare corsi. Vedi se esiste questa possibilità anche dove vivi dato che ora sei LAUREATA. A proposito, non hai mai pensato di insegnare educazione tecnica nelle scuole? Una mia amica, architetto, svolge questo lavoro. Tra una supplenza e l’altra alla fine lavora sempre. Ciao, e buona giornata a te :-)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: