Prove tecniche di indipendenza

Dopo sei ore di dormite a intervalli al pronto soccorso, Giada è stata considerata abbastanza in buona salute per tornare a casa sotto osservazione.

E’ stata con noi giusto il tempo di tornare a casa, poi, in cortile abbiamo incontrato mamma e figlia di 3 anni più grande di Giada, due chiacchiere tra grandi, un paio di giochi tra bimbe e Giada ha abbandonato il nido per andare a giocare a casa della nuova amica.

Alle 19 ci ha fatto chiedere dal papà e dalla bimba di poter restare a mangiare a casa loro.

Alle 20 e venti ha chiesto di poter restare là a dormire.

Alle 20 e ventiquattro è tornata a casa a lasciare giù un suo gioco e quando le abbiamo ricordato che doveva tornare a casa a dormire ha risposto: “lo so che devo tornare per dormire, ma quando è buio” ed è salita per le scale verso la casa della sua nuova amica.

Nel frattempo l’altra è a casa di amici, anche lì con bambine più grandi, si diverte e resterà là a dormire.

Il padre pensava di tenere le figlie segregate in casa fino a 35 anni…

Annunci

No comments yet»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: