…around around around…

E’ sempre stata una parola che mi piaceva, il suono così simile all’azione, ma ora…

Sto girando intorno a tutto e ancora non ho concluso niente.

La tesi, ho avuto un incontro con quella che dovrebbe essere la mia relatrice e una delle prime idee che le ho inviato la sta sviluppando un gruppetto di sue allieve, e io sono ancora ad un punto morto.

Il lavoro, l’ho ripreso da una settimana e mezza e ho trovato un ambiente poco piacevole, è di nuovo tutto in salita, tutto da dimostrare e in più mi sto rendendo conto ogni giorno di più che io e il computer non possiamo più stare insieme per così tante ore, gli effetti della cheratite si fanno sentire e vorrei tanto trovare un lavoro che non preveda l’uso così massiccio del pc, ma cosa?

A casa abbiamo ripreso gli orari da caserma, sveglia alle sei e trenta del mattino, attesa dell’apertura dell’asilo con il papà (un pre-pre-asilo, insomma), cena alle diciotto e trenta e nanna alle venti, niente cartoni, niente amichetti a casa, niente feste di compleanno, niente parco, niente di niente, per fortuna c’è il giardino e in questi giorni anche il sole. Lo sclero è assicurato.

La vita di coppia segue un po’ questi around e la crisi è sempre in agguato, e lascia entrambi sfiniti e sempre più insoddisfatti, oltrechè senza forze, poche le certezze (ma forse quelle che contano): l’amore per le bimbe, il rispetto tra noi, un profondo affetto di base nonostante tutto.

E poi il grande sogno a Nord, che sembra come il mare, a ondate di entusiasmo, sprazzi di illusione di potercela fare e l’inevitabile infrangersi sulle rocce della realtà.

…around around around…

Annunci

1 commento»

  Sara wrote @

Che bella l’ultima metafora.. e poi la conclusione.. around.. adesso che ci penso questa parola riguarda ogni cosa che di vivo esiste nel mondo. Il sole around around, la terra, noi con lei, i bambini che ruzzolano, i fiori che si piegano al peso della luce, i passi.. around around, gli ex fidanzati che tornano, la mosca intorno al mio viso, l’orologio, la pizza nello stomaco, tutto gira, si capovolge, rallenta e poi ritorna, incessantemente, in circolo.. le attese, gli sbuffi di fiato, le speranze e i sogni portati dal vento, tutto in volo, around around.. around


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: