Appunti sparsi sull’essere genitori e sull’essere figli

I recentissimi fatti accadutimi come “figlia di nn” mi hanno indotto alcune riflessioni.

Premessa #1
Da poco più di un anno ho l’indirizzo di mio padre, circa un mese fa ho avuto il primo contatto telefonico con lui e da ieri ho la certezza che quella persona sconosciuta è mio padre.

Premessa #2
Ho una fervida immaginazione, quando ero piccola, e anche ora a dire il vero, per addormentarmi mi immagino storie, possibilmente belle.
Questa tendenza a immaginare storie è presente spesso anche nelle ore di veglia e mi aiuta nei momenti difficili.

Premessa #3
Quando sono entrata in possesso dell’indirizzo di mio padre, io già mi ero immaginata un incontro a 3, presente anche mia madre, e un ritorno di fiamma tra i due, tanto ormai io ero grande e non ero più un ostacolo alla loro unione.
Poi ho scoperto che è sposato con una donna che ha solo sei anni più di me…

Riflessione #1
I figli tendono ad assumersi la responsabilità delle unioni dei loro genitori, anche quando quest’unione non c’è mai stata, o meglio, anche se questa unione è durata solo il tempo del concepimento.
E, infatti, io penso di essermi sempre sentita in un qualche modo “colpevole” della fine della storia di mia madre con mio padre.
Forse anche perchè poi, quando mia madre si è sposata con un altro uomo, mi sono stata caricata della responsabilità del funzionamento di questo matrimonio, ad ogni discussione tra loro mia madre mi chiedeva di cambiare.

Riflessione #2
I figli vorrebbero i loro genitori sempre insieme, anche se non li hanno mai visti insieme, nemmeno in foto.

Riflessione #3
Ci sono personi che sono incapaci di accettare la genitorialità per quello che dovrebbe essere, amore senza niente in cambio.
Io ho incontrato 3 persone così, ciascuno a modo suo incapace di essere genitore: mio padre, mia madre e il mio patrigno.

Riflessione #4
Non è sempre necessario che i figli amino incondizionatamente i propri genitori, e nemmeno che ne accettino gli errori, semplicemente possono non amarli e considerarli un incidente di percorso, a volte è difficile, altre è più facile.

Riflessione #5
Spero di avere imparato comunque qualcosa dagli errori di queste figure “genitoriali”.

Riflessione #6
A volte è meglio non volgere lo sguardo al passato, soprattutto quando si è sopravvissuti a varie tempeste emozionali.

Advertisements

1 commento»

  nivels wrote @

Riflessione #4 – verissimo ed è da ricordare sempre.
Che coraggio – scrivere di sé apertamente!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: